Protecting over 230 million PCs, Macs, & Mobiles – more than any other antivirus


26 gennaio 2016

Nel 2016, la vostra casa sarà un bersaglio per gli hacker

La tua casa e i dispositivi all’interno saranno un obiettivo per i cyber criminali nel 2016.

Tornando indietro nei primi anni duemila fino a pochi anni fa, non dovevamo fare altro che preoccuparci dei nostri computer e portatili. Negli anni successivi, i dispositivi mobili sono diventati così onnipresenti che gli hacker hanno rivolto i loro occhi su di loro, in particolare sui dispositivi Android.

Ma a partire dal 2015, tutti cominciarono a rendersi conto di quanto vicina alle nostre case sia realmente la cybersicurezza. Le Reti domestiche sono il nuovo gateway e il 2016 sarà l’anno in cui le vulnerabilità dell’Internet of Things (IoT) e dispositivi indossabili in combinazione con una debole sicurezza dei router domestici porterà ad attacchi personali.

Il nostro mondo collegato a Internet sarà sempre più difficile da rendere sicuro

Il nostro mondo collegato a Internet sarà sempre più difficile da rendere sicuro

L’anello più debole è il vostro router domestico

“La situazione della sicurezza dei router a casa è in realtà piuttosto cattiva” ha detto Ondrej Vlcek, COO di Avast. “La maggior parte delle aziende fa relativamente un buon lavoro rilasciando aggiornamenti per le vulnerabilità, ma il problema è che nessuno aggiorna il firmware dei router. L’utente non lo fa affatto e di solito i fornitori di servizi Internet neanche.” Ha aggiunto che abbiamo visto il maggior numero di attacchi ai router nel 2015.

Prosegui la lettura…


22 dicembre 2015

L’attaco hacker all’azienda di giocattoli digitali espone informazioni e rischia la privacy dei bambini

I giocattoli collegati a Internet raccolgono dati sull’utente e hanno una sicurezza debole rispetto ad altri prodotti informatici.

I dati rubati dai bambini oggi possono essere utilizzate per creare profili che possono causare problemi per loro in futuro.

6 milioni di account di bambini presi da un hacker

Questa debolezza è stata resa pubblica durante il periodo del Black Friday shopping, quando una azienda di giocattoli digitali con sede a Hong Kong chiamata VTech ha perso i database di più di 6 milioni di bambini e quasi 5 milioni di parental account collegati. Mettendo i database insieme l’hacker era capace di recuperare le informazioni personali come i nomi dei bambini, età e sesso, le immagini e chat. Nomi dei genitori, indirizzi email, domande segrete e risposte, indirizzi IP, password criptate e indirizzi di posta sono stati anche rubati dall’hacker. Presumibilmente la violazione non ha incluso informazioni di carte di credito o conti finanziari.

Prosegui la lettura…

Comments off

24 novembre 2015

Cosa succede al tuo cellulare quando lo perdi?

Questo è quello che volevamo sapere. Gli analisti della sicurezza Avast hanno fatto un esperimento di cinque mesi “perdendo” e monitorando 20 cellulari.

Cellulare perso

Più di 3 milioni di cellulari vengono persi ogni anno

Per preparare i cellulari all’esperimento, gli analisti hanno attivato tre applicazioni per la sicurezza: il nostro Avast Anti-Theft gratuito, Lookout Mobile Security e Clean Master. Si sono assicurati che ogni telefono abbia all’interno le informazioni del contatto del proprietario in modo che possa essere restituito se ritrovato. Poi hanno posizionato i 10 telefoni casualmente in giro per New York e gli altri 10 intorno a San Francisco.

Non è voluto molto fin quando i telefoni fossero trovati e manomessi. Quindici dei 20 cellulari sono stati ripuliti utilizzando la funzione di “Riprostino di fabbrica“. L’unica applicazione di sicurezza sopravvissuta al ripristino è stata Avast Anti-Theft. Questo era proprio quello che i nostri analisti avevano bisogno per monitorare sui dispositivi persi durante le loro avventure.

E quali avventure hanno avuto!

Prosegui la lettura…

Comments off

27 ottobre 2015

Hai un genitore anziano? Digli di Grandparent Scam

I truffatori rubano agli anziani $ 3 miliardi di dollari all’anno.

Una truffa che è incominciata circa nel 2008 ma che è ancora in atto e rivolta alle persone anziane. Il settantaquattrenne Bob Gostischa, evangelist di Avast, che conosce molto bene le truffe, la sicurezza, e la privacy, ha ricevuto una chiamata proprio pochi giorni fa da un artista della che stava cercando di rubare denaro. “Se è successo a me, sono sicuro che accadrà anche ad altri,” ha detto Gostischa.

Truffatori puntano gli anziani

Truffatori puntano gli anziani “perché sono più creduloni”

Ecco la premessa di base:

Qualcuno chiama o manda un messaggio fingendo di essere vostro nipote. La storia tipica è che sono stati ingiustamente arrestati e hanno bisogno di soldi subito per fardi rilasciare su cauzione. Un’altra variante è quella in cui è in viaggio ed è stato aggredito o addirittura coinvolto in un incidente e gravemente ferito. Dopo aver raccontato questa storia strappalacrime, se sente che la vittima ci è cascata, il truffatore chiede soldi da mandare attraverso servizi come Western Union e MoneyGram.

Prosegui la lettura…

Categorie:General Tag: ,
Comments off

24 settembre 2015

E se qualcuno vi stesse spiando dalla webcam?

Qualche settimana fa, a Toronto, Chelsea Clark ed il suo ragazzo si coccolavano a casa loro di fronte a Netflix sul portatile. Tutto quanto ricorda quel che molti fanno alla sera, a casa propria, per rilassarsi. Quel che rende questa storia fuori dall’ordinario è che qualcuno si trovava nella stanza con i due.

Alcuni coprono la webcam con un cerotto per proteggere la propria privacy

Il giorno seguente, la Clark, aprendo il proprio profilo Facebook, si è vista protagonista assieme al suo ragazzo di immagini intime riprese la sera prima, inviate da uno sconosciuto. Lo sconosciuto, identificato col nome di Mahmoud Abdul, Il Cairo, Egitto, aveva caricato le foto con il testo “Davvero, bella coppia [cit]”. Le foto erano evidentemente state scattate dalla webcam del portatile.

Non è la prima volta che ci imbattiamo in storie simili. Nel Marzo scorso, un giovane statunitense si è consegnato ai servizi segreti ed è stato condannato a 18 mesi di carcere per pirateria. Da mesi spiava la vittima, Miss Teen USA Cassidy Wolf, attraverso la webcam, scattando foto di natura intima che la ritraggono nella camera da letto. Avrebbe poi provato a ricattarla per denaro, minacciando altrimenti la diffusione delle foto e dei video.

Prosegui la lettura…

Categorie:General Tag:

25 agosto 2015

5 passi per proteggere l’accesso al tuo profilo Facebook

Facebook IT

Proteggi il tuo account di Facebook contro visitatori indesiderati

I social network sono diventati parte integrante della nostra vita. Facebook non è più solo un semplice canale di comunicazione, ma una fonte importante di notizie quotidiane, informazioni su marchi e anche una piattaforma di vendite. Grazie alle applicazioni mobili, possiamo accedervi ovunque e in qualsiasi momento vogliamo. Come consumatori attivi dovremmo prenderci più cura della nostra sicurezza durante l’utilizzo di questo servizio.

Prosegui la lettura…


21 luglio 2015

Le 10 barre degli strumenti del browser più fastidiose

Di solito succede dopo aver scaricato qualcosa di gratuito. Quando vai di nuovo online, il tuo browser sembra improvvisamente diverso. Ci sono nuovi pulsanti e strane icone che non hai mai visto prima. Una strana pagina di ricerca di un’azienda che non hai mai sentito nominare ha preso il posto della tua homepage.

Come ho ricevuto quella fastidiosa barra degli strumenti?

Hai inavvertitamente scaricato una barra degli strumenti del browser che è stato installato insieme ad un altro software.

Programmi gratuiti, come Adobe Reader, spesso includono componenti aggiuntivi, come barre degli strumenti o estensioni del browser. La maggior parte delle volte, durante l’installazione del software, c’è un’opzione di scelta mostrata per l’add-on. Ma molte le persone cliccano senza leggere e quando hanno finito, scoprono di aver scaricato qualcosa che non intendevano scaricare.

Per evitare che questo accada, in primo luogo leggi le schermate con calma. Potresti risparmiare un sacco di tempo e mal di testa se lo fai.

Prosegui la lettura…


24 giugno 2015

Le aziende di antivirus creano virus per vendere più software?

Domanda della settimana: Perché Avast e altre aziende di antivirus cercano di spaventarci con tutte queste notizie sui virus e applicazioni cattivi? Mi fa sospettare che loro siano collegati alle minacce.

Risposta: Avast e altre aziende di antivirus rispettabili non sono collegati alla creazione di minacce – ci sono tanti virus ma non è colpa dei nostri sviluppatori! Ma grazie per la tua domanda. Vorremmo aiutare voi e gli altri nostri clienti a capire la natura della sicurezza informatica nel mondo di oggi e assicurarvi che abbiamo gli strumenti per proteggere il vostro ambiente online.

Le aziende di antivirus non creano i virus – ci sono tanti hacker che lo già fanno!

Abbastanza per tenerci occupati

Il Abast Virus Lab riceve più di 300.000 campioni di nuovi potenziali virus ogni giorno e ha documentato un aumento delle infezioni da malware mobile, vulnerabilità nei software e dispositivi ampiamente utilizzati e un aumento dello spionaggio attraverso le connessioni Wi-Fi hotspot. Non intendiamo spaventarvi, ma con la consapevolezza che oltre il 60 per cento delle aziende sono stati vittime di un tentaivo di attacco informatico, e che Avast ha impedito più di 2 miliardi di attacchi virus il mese scorso, abbiamo un sacco di cui parlare.

Un esempio di un nuovo tipo di attacco è stata la recente scoperta di una applicazione mobile chiamata Dubsmash 2, che aveva un “porn-clicker” malware nascosto all’interno di esso. L’applicazione è stata installata dalle 100.000 alle 500.000 volte dal Google Play Store, di solito una fonte attendibile, prima che noi avvertissimo Google e l’applicazione venisse rimossa.

“Sospettiamo che lo sviluppatore della app ha utilizzato il metodo porn-clicker a scopo di lucro”, ha scritto l’analista di virus Jan Piskacek. “Lo sviluppatore dell‘app ha probabilmente guadagnato con il pay-per-click da inserzionisti che pensavano lui stesse mostrando i propri annunci su siti web effettivamente visualizzati da persone.

Quando il guadagno finanziario è la motivazione, i criminali informatici sono creativi. Ma il guadagno finanziario non è l’unica motivazione. Gli hacker di Black Hat USA 2014 hanno detto agli inspettori che sono stati guidati dal divertimento e l’eccitazione di farlo. (51% ha detto così.) Attacchi sponsorizzati dagli stati sono rivelati sempre più spesso. Cina, Russia, Iran e Corea del Nord stanno emergendo come attori principali nella violazione ai sistemi per guadagno politico, nazionalista, e competitivo.

Molte persone, anche se sono a conoscenza delle minacce, non hanno preso alcuna precauzione per proteggere se stessi o i loro beni.

Le persone nel complesso sono più consapevoli dei problemi di sicurezza e privacy dopo le rivelazioni sulle attività di sorveglianza della NSA, ma nonostante ciò, la maggior parte degli adulti americani non hanno modificato in modo significativo il loro comportamento digitale, e il 54% afferma che sarebbe “abbastanza” o “molto “difficile trovare gli strumenti e le strategie che aumenterebbero la loro privacy online e durante l‘utilizzo di telefoni cellulari, secondo un rapporto del Pew Research Center.

„Non ho nulla da nascondere“ e „non ho il tempo o le competenze“ sono i motivi più comuni che spingono le persone a non far nulla.

Avast non è l‘antivirus di tuo padre

Siccome la natura degli attacchi è cambiata, noi offriamo un “ecosistema” di servizi di protezione oltre la nostra protezione antivirus. La necessità di un genere più completo di protezione era piuttosto evidente dopo che il New York Times è stato violato per 4 mesi dagli hacker cinesi. Jindrich Kubec, direttore del Threat intelligence di Avast, riconosce che c’è una distinzione tra i tipi di minacce incontrate dai navigatori del web di tutti i giorni e l’attacco mirata il Times ha affrontato, ma aggiunge questo saggio pensiero,

“La cintura di sicurezza e gli airbag sono protezioni meravigliose e migliorano la sicurezza di milioni di persone, ma non fermeranno un proiettile – sparato da un assassino. Questo significa che potrete smettere di usare airbag e cinture di sicurezza?”

Scopri i vari prodotti che Avast offre per creare il proprio ecosistema di sicurezza. Avast Mobile Security, Secureline VPN, Browser Cleanup e GrimeFighter non sono solo nuovi modi per fare soldi (alcuni dei prodotti sono gratuiti!), sono destinati a tenere voi ei vostri beni più possibile al sicuro.

Grazie per utilizzare Avast Antivirus e consigliarci ai tuoi amici e alla tua famiglia. Per tutte le ultime notizie e informazioni sui concorsi, seguici su Facebook, Google+ e Twitter.

Categorie:General Tag: ,
Comments off

27 maggio 2015

Perché la gente non fa il backup dei loro cellulari e di altro

Devastazione. La sensazione che hai quando ti rendi conto che il tuo cellulare è sparito. Tutte quelle foto, contatti e altri dati – andati per sempre. Perché? Perché non è stato eseguito il backup.

infographics-300px_blog-IT (1)

Avast ha condotto un’indagine globale per scoprire se la gente fa il backup dei dati sui propri dispositivi mobili. Abbiamo ricevuto risposte da 288.000 utenti nei paesi tra cui Stati Uniti, Germania, India, Messico e Russia.

Per avere un’idea di quali tipi dei dati gli utenti memorizzano sui loro dispositivi, abbiamo iniziato l’indagine chiedendo agli intervistati per quali scopi usano i loro dispositivi mobili oltre a effettuare chiamate e inviare messaggi di testo. In risposta, abbiamo scoperto che

Due persone su dieci utilizzano il proprio dispositivo mobile per scattare foto

  • il 18% naviga in Internet
  • il 17% ascolta musica / guarda video
  • il 16% usa applicazioni di social networking come Facebook e LinkedIn

Perché la gente non fa il backup dei propri dati?

In poche parole, la maggior parte delle persone non pena che sia necessario fare il backup dei propri dati. Globalmente il 36% e quasi la metà dei russi non crede che sia necessario (48%).
Quasi un quarto del mondo concorda che non fa il backup dei propri dati per pigrizia (24%). Il Trentadue percento del popolo indiano ammette che è troppo pigro per fare il backup.
Trentasei percento dei Britannici ha affermato di non fare il backup dei propri dati perché crede che i loro dati non sono preziosi, rispetto al 22% degli intervistati a livello globale che affermano questo come loro motivazione per non fare il backup dei propri dati mobili..

Che cosa è più importante per gli utenti mobile: telefono o dati?

Ora che abbiamo stabilito che molte persone non si preoccupano dei loro dati, sono troppo pigri per evitarne la perdita, o non credono che ne vale la pena, abbiamo quindi chiesto agli utenti se sarebbero più preoccupati di perdere: i loro dati (senza avere un backup) o il loro dispositivo.
A livello globale il 64% di noi è più sconvolto di aver perso i dati piuttosto del telefono stesso.. Gli intervistati in Messico afferma questo, con il 78% degli utenti messicani che sostiene che sarebbe più sconvolto di perdere i loro dati che perdere il loro telefono.

Quali dati hanno paura di perdere le persone?

Generalmente, gli utenti erano maggiormente preoccupati di perdere i contatti memorizzati sul proprio dispositivo mobile (25%) e le foto (21%). Nonostante queste preoccupazioni, il 37% degli intervistati ha dichiarato di non fare il backup dei propri dati. I brasiliani sono i meno propensi a eseguire il backup dei propri dati (45%), ma il 64% dei brasiliani sarebbe sconvolto per perderlo.

Perché si dovrebbe fare il backup dei dati mobile

Usiamo i nostri dispositivi mobili per effettuare chiamate importanti, catturare momenti preziosi, navigare in Internet, utilizzare le nostre applicazioni preferite e molto altro ancora. Tutto può succedere al dispositivo mobile in una frazione di secondo; potrebbe cadere in aqua, essere perso (sia perdita o furto) o addirittura finire sotto una macchina! Eppure, come abbiamo scoperto, molti non fanno il backup dei dati che ritengono indispensabili.

Come fare il backup dei dati

È possibile fare il backup dei dati in molti modi: collegando il vostro dispositivo mobile a un PC (come quasi un terzo degli utenti globali fanno), collegandolo a un servizio Cloud (come Dropbox, iCloud o Google Drive) o usare un app mobile backup come Avast Mobile Backup.

Quando la gente in realtà fa il backup dei propri dati, come lo fa?

La maggior parte di quelli che fanno il backup dei propri dati, lo fa su mensilmente (41%), mentre un altro 8% lo fa giornalmente. La maggior parte delle persone fa il backup dei propri dati collegandolo a un PC (32%) – solo il 17% il backup dei propri dati nel cloud. Quando abbiamo chiesto il motivo, il 46% degli utenti ha espresso la loro riluttanza a fare il backup su cloud a causa di problemi di privacy. I tedeschi sono i più preoccupati per la loro privacy dall’avvento del cloud backup (61%), con i spagnoli (58%) e americani (57%) con percentuali vicine ai tedeschi.

Grazie per utilizzare Avast Antivirus e consigliarci ai tuoi amici e alla tua famiglia. Per tutte le ultime notizie e informazioni sui concorsi, seguici su Facebook, Google+ e Twitter.


29 aprile 2015

Avast mette in luce gli utenti di Battery Saver per il loro impatto positivo sull‘ambiente

Sapevate che una settimana fa era la Giornata della Terra? In quel giorno le persone, organizzazioni, aziende e governi di tutto il mondo dimonstrano il loro impegno a proteggere la Terra e contribuire ad un futuro sostenibile. Ogni azione, non importa quanto piccola, conta – dal mangiare meno carne, al riciclaggio o il compostaggio per ridurre la tua impronta ecologica: tutto contribuisce ad un mondo più pulito e più verde ora e in futuro.

Gli utenti Avast fanno la loro parte per salvare la Terra

Siccome noi ci teniamo a tutto ciò che riguarda il verde su questa Terra, vogliamo evidenziare un gruppo particolare di clienti Avast. Questi utenti Android sono venuti da Avast semplicemente per trovare un modo per risparmiare la carica della batteria del proprio smartphone. Non avevano compreso quando hanno installato Avast Battery Saver sul proprio dispositivo Android che insieme stavamo facendo la differenza di cui anche noi eravamo sorpresi.

Nel primo mese dal lancio di Avast Battery Saver, 200.000 clienti lo hanno scaricato e hano utilizzato attivamente sul proprio Android cellulare o tablet. Questa infografica mostra come l’uso cumulativo aggiungeva un reale risparmio energetico.

Fate la vostra parte per la Terra e risparmiate 20% della batteria ogni giorno! Scarica Avast Battery Saver gratuitamente da Google Play.

battery-saver-infographics-IT

Grazie per utilizzare Avast Antivirus e consigliarci ai tuoi amici e alla tua famiglia. Per tutte le ultime notizie e informazioni sui concorsi, seguici su Facebook, Google+ e Twitter.

Comments off